ORA IN NEGOZIO

ARTEMIDE ECLISSE

Un'icona del design industriale moderno.

Share

Si dice che un oggetto diventi un "icona" quando riesca ad attraversare gli anni, i decenni, senza che le mode possano scalfirne la lucentezza.


La sfida che ogni designer deve affrontare è il tempo, la resistenza di un'idea ai cambiamenti di gusto, ancor prima che al mercato.


E allora cerchiamo di spiegare come una semplice lampada da tavolo sia diventata un'icona del design.


Vico Magistretti racconta che nel 1965 in Metropolitana tutto nacque dalla lettura di un passo del romanzo "I Miserabili" di Victor Hugo e della lanterna di Jean Valjean:


"La lanterna diretta in quel momento su Valjean era quella della ronda della riva destra.


La ronda aveva allora perlustrato la galleria curva e i tre condotti ciechi che sono sotta la via del Quadrante. Mentre essa puntava la sua lanterna sui tre condotti ciechi, Valjean aveva incontrato sul suo cammino l'ingresso di quella galleria, l'aveva riconosciuta più stretta della principale ed era passato oltre.


Uscendo dalla galleria di via del Quadrante era parso ai poliziotti di udire un rumore di passi in direzione della cloaca di cinta.


[...]


Fortunatamente, se egli vedeva bene la lanterna, la lanterna lo vedeva male; essa era la luce, egli l'ombra, ed era molto lontano, e confuso all'oscurità del luogo.


[...]


Gli uomini della ronda ascoltavana e non sentivano nulla, guardavano e non vedevano nulla. Si consultarono.


[...]


Il sergente ordinò di piegare a sinistra verso il quadrante della Senna. Se avessero avuto l'idea di dividersi in due squadre e di andare nei due sensi, Valjean sarebbe stato preso.


[...]


La ronda si rimise in cammino, lasciandosi dietro Valjean, il quale di tutto quel movimento non scorse niente, tranne la eclisse della lanterna che improvvisamente si volse dal lato opposto."


Richiuso il romanzo, Magistretti schizza sul retro del biglietto l'idea di una lampada combinando un paio di sfere, poi chiama il suo assistente in studio descrivendo la sua geometria: nasce Eclisse.


In una sua vecchia intervista Vico Magistretti parla del rinnovamento e del design: “Fare del design è un modo come un altro di intervenire, di incidere nel costume circostante attraverso la creazione di oggetti e modelli ideali nuovi, questo aspetto è evidentemente un’operazione di cultura, si propone qualcosa che ciascuno è libero di scegliere o non scegliere, e una volta compiuta la scelta, si è data la propria adesione e si diventa ricettivi ad un altro tipo di proposte.”


Magistretti con la lampada Eclisse trasforma un oggetto statico, in un periodo storico dove la lampada da tavolo era concepita con paralume in tessuto, in qualcosa di visivamente labile, con una forma che pare non abbia punti di equilibrio: semplicemente, come possono due sfere sovrapposte raggiungere un punto di stabilità?


"Il design esisterà sempre, perché l'idea è sempre di un individuo e l'individuo non si può abolire." Vico Magistretti


Nella lampada Eclisse tutto, eccetto la forma, è lasciato al libero arbitrio dell'utilizzatore: la luce, la sua regolazione, la posizione e la disposizione nell'ambiente.


In produzione dal 1967 per Artemide, la lampada Eclisse è diventata un'icona del design industriale del XX secolo e uno dei simboli del design italiano nel mondo, premiata con il Premio Compasso d'Oro.


Oggi Eclisse si trova nella collezione permanente del Triennale Design Museum di Milano, nella collezione permanente del MoMA di New York e in tanti altri musei dedicati al design.


La puoi anche scoprire nello showroom WizDesign ed apprezzare tutto il fascino senza tempo di una vera icona del design.

 

THUMBNAIL VIEW

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO

ORA IN NEGOZIO
Oltre 400 articoli scontati fino al 50%!
ORA IN NEGOZIO
Lantern la porti per illuminare il tuo cammino.
ORA IN NEGOZIO
Elegante e snello, per la casa e per l'ufficio.
ORA IN NEGOZIO
Due sgabelli ispirati al Palazzo della Civiltà Italiana di Roma.
ORA IN NEGOZIO
Affascinante quanto insolito: Telkì Milano reinventa il tappeto.
ORA IN NEGOZIO
Kartell presenta la prima lampada a bracci snodati: Aledin.